Natura

Arriveranno in Italia le farmacie per vegani e vegetariani

Arriveranno in Italia le farmacie per vegani e vegetariani

Da autunno, in tutta l'Italia, nasceranno le farmacie dedicate esclusivamente a chi è vegano o vegetariano. Le "Pharmavegana" le potremo riconoscere attraverso un logo.

All'interno delle Pharmavegana un esperto avrà il compito di consigliare farmaci, integratori e medicinali senza derivati animali.

Secondo il rapporto Eurispes nel 2014, in Italia i vegetariani sono aumentati, dai 3,7 milioni che erano, ora sono 4,2 milioni. I vegani sarebbero 450 mila.

Si trova al momento in fase di costruzione il sito web pharmavegana.it, che permetterà di orientarsi nella scelta di farmacie con un farmacista specializzato per vegetariani e vegani.

(Foto: www.pharmavegana.it )

Luca Kevin Civitate

La frutta e verdura di Maggio

La frutta e verdura di Maggio

Tra poco saluteremo la primavera ed entreremo in estate, però, godiamoci ancora questa bella stagione con fiori, frutta e verdura con colori vivaci e davvero spettacolari.

In questo mese troveremo queste verdure:

- Le fave (ortaggio con poche calorie ma ricche di vitamina B, ferro, proteine e di fibre, indispensabili per le funzioni intestinali). Le fave sono anche utili per la depurazione dell'organismo.

- Le patate novelle (alto contenuto di selenio, vitamina C, acqua e potassio).

- I piselli (vitamina B1, vitamina A, fosforo, potassio, sodio, magnesio e ferro).

Oltre a questi legumi, è possibile acquistare ancora gli asparagi, i broccoli, i carciofi, la cicoria, i finocchi, il radicchio rosso, la rucola, gli spinaci, l'indivia, la lattuga, i ravanelli e le barbabietole.

Per quanto riguarda la frutta, ci saranno in questo mese:

- Le nespole (contenenti vitamina C, calcio, e carboidrati), se mangiate ancora acerbe hanno proprietà lassative.

- Le ciliegie combattono le infiammazioni alle articolazioni, oltre ad essere diuretiche, lassative e depurative. Nelle ciliegie sono presenti i sali minerali e le vitamine A e C.

(Foto: http://www.greenme.it/ )

Luca Kevin Civitate

Maggio: semina, raccolti e lavori nell'orto

Maggio: semina, raccolti e lavori nell'orto

Finalmente è maggio e, chi possiede un orto può far festa. In questo mese è possibile seminare e raccogliere molta frutta e verdura.

Cosa seminare a maggio?

Zucchine, melanzane, peperoni e pomodori. Per quanto riguarda i frutti, potremmo seminare angurie, meloni e piantare i mirtilli. Invece per le erbe aromatiche si può piantare il basilico ed il prezzemolo.

Ecco la lista completa delle cose che possiamo seminare o piantare: anguria, asparagi, barbabietola, basilico, bietola da coste, broccoli, cardi, carote, cavoli, cavolo cappuccio, cavolfiore precoce, cetrioli, fagioli, fagiolini, indivia, lattuga, lattughino da taglio, melanzane, meloni, peperoni, peperoncini, piselli, pomodori, porri, prezzemolo, rucola, scarola, sedano, zucca, zucchine, zucchine tonde e verza.

Consigli per la semina e il trapianto:

Per quanto riguarda le semina, si consiglia di seminare in semenzaio, da posizionare comunque all'aperto, riparando i germogli dal sole eccessivamente diretto i cavolfiori precoci i cavoli e le verze. È possibile seminare all'aperto, direttamente in piena terra, tra gli altri: fagioli, fagiolini, piselli, lattuga, lattughino da taglio, rucola, bietole da coste, meloni, angurie, barbabietole, asparagi, carote, pomodori, indivia. Zucchine classiche, zucchine tonde e peperoni possono essere seminati in semenzaio per comodità. È possibile procedere al trapianto di quanto coltivato in precedenza in semenzaio, ad esempio: zucchine, pomodori, peperoni, sedano, peperoncini, melanzane, indivia, basilico, cetrioli.

I Raccolti:

In questo mese raccoglieremo: l'acetosella, le albicocche, le amarene, l'aneto, gli asparagi, il basilico, la camomilla, i carciofi, le carote, le ciliegie, le cipolle, i cipollotti, l'erba cipollina, i fagioli, le fragole, l'indivia, i lamponi, la lattuga, il lattughino da taglio, i limoni, la malva, la melissa, le nespole, l'origano, le pere, le pesche, i piselli, i pompelmi, il prezzemolo, il rabarbaro, i ravanelli, gli spinaci e la salvia.

Orto sul balcone di maggio

L'orto sul balcone di maggio potrà ospitare numerose erbe aromatiche, acquistate o seminate in precedenza, come il basilico, il rosmarino, l'erba cipollina, l'origano, la maggiorana, il prezzemolo e la menta. Tra le piante officinali inizieranno a spuntare o procederanno verso la fioritura, secondo le zone di coltivazione, la malva e la camomilla. In vasi più grandi il balcone potrà ospitare anche patate, sedano, topinambur. Si potranno seminare o si potrà procedere al trapianto da semenzaio al vaso: zucchine (le zucchine tonde sono particolarmente adatte a essere coltivate in vaso), peperoni (perfette le varietà più piccole), pomodori, peperoncini e melanzane. Potranno trovare inoltre spazio, ad esempio, le piantine di fragole, ravanelli, carote, rucola e lattughino da taglio.

I lavori nell'orto secondo il calendario lunare

Seguire un calendario lunare e i consigli della tradizione contadina può essere utile per la programmazione delle semine e dei trapianti nell'orto. Le informazioni sono raccolte dal confronto di calendari lunari differenti e possono essere ritenute preziose per ottenere un miglior raccolto.

Luna crescente

Durante la luna crescente si consiglia di seminare in semenzaio cavolfiori precoci, cavolo cappuccio e verze. Secondo la tradizione contadina è preferibile ricorrere alla semina in luna crescente, direttamente nell'orto o in vaso (quando possibile) di: zucchine, cetrioli, meloni, indivia, melanzane, lattuga, peperoni, sedano, pomodori, peperoncini, zucca e prezzemolo. Nel frutteto i giorni di luna calante sono preferibili per il trapianto di mirtillo e olivo. La luna sarà crescente dall'1 al 14 e dal 30 al 31 maggio 2014

Luna calante

Nei giorni di luna calante la tradizione contadina consiglia di procedere con la semina all'aperto di indivia, cavoli, lattughino da taglio, bietole da coste, ravanelli e spinaci. E' inoltre il momento giusto per mettere i sostegni per gli ortaggi che ne hanno bisogno, come pomodori, fagioli e piselli, se le piantine si trovano già in crescita. Si possono rincalzare le patate, il prezzemolo, i fagioli, i peperoni, i pomodori e i piselli. Per quanto riguarda i fiori, le piante da interni possono essere rinvasate e i gerani possono essere spostati all'esterno, sul davanzale o sul balcone. La luna sarà calante dal 16 al 28 maggio 2014.

 

(Foto: http://scienzaesalute.blogosfere.it/ )

Luca Kevin Civitate

Ecco alcune spezie ed erbe che potrebbero prevenire il cancro

Ecco alcune spezie ed erbe che potrebbero prevenire il cancro

Oltre alla verdure e alla frutta, anche le spezie e le erbe aromatiche fanno bene. Vediamo alcune erbe e spezie anti-cancro:

- Curcuma originaria dell'Asia sud-orientale, è largamente impiegata come spezia soprattutto nella cucina indiana, medio-orientale, tailandese e di altre aree dell'Asia.
A 25 pazienti gli è stato chiesto di assumere questa spezia e, secondo lo studio, l'assunzione di curcuma bloccherebbe i processi pre-cancerogeni. Nel 2007, una ricerca ha dimostrato che questa pianta unita alla chemioterapia, sarebbe più efficace nell'annientare le cellule tumorali.

- Lo zenzero stando alla ricerca effettuata di recente in Thailandia, ha risultati promettenti per quanto riguarda l'impiego dell'estratto etanolico di zenzero contro un raro adenocarcinoma.

- Il pepe di Cayenna contiene capsaicina, una sostanza nota come potente antiossidante. Alcuni scienziati hanno dimostrato che la capsaicina è tossica per le cellule tumorali.
Alcuni ricercatori della Los Angeles School of Medicine della California University , hanno rivelato che la capsaicina potrebbe risultare utile per limitare lo sviluppo del tumore alla prostata.

-Il pepe nero, in abbinamento alla curcuma, si è dimostrato in grado di inibire la crescita delle cellule cancerogene legate al tumore al seno.

- La cannella contrasterebbe una una proteina che aiuta i tumori ad assicurarsi una riserva di sangue e nutrimento che li aiuta a crescere. Questo è quanto sostenuto dagli esperti del City of Hope Cancer Center.

- Il terpene, una sostanza presente nel rosmarino le cellule contribuisce ai medicinali di agire in maniera più efficiente. Inoltre, questa sostanza avrebbe contribuito a sconfiggere le cellule cancerogene o a ridurne la diffusione.

- L'origano contiene carvacrolo, una molecola che potrebbe contribuire a ridurre la diffusione delle cellule tumorali, agendo come disinfettante naturale. Questa sostanza è presente anche nella maggiorana, nella menta, nel timo, nel basilico e nel prezzemolo.

- Il prezzemolo è molto utile per combattere i tumori perchè in esso è presente l'apigenina, sostanza in grado di prevenire l'angiogenesi, cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni grazie a cui il tumore può ricevere nutrimento.

- L'olio essenziale estratto dal timo, ha la capacità di inibire la crescita delle cellule tumorali.

- L'aneto contiene alcune sostanze benefiche denominate monoterpeni. Si tratta di composti in grado di stimolare e di attivare la secrezione di un enzima chiamato glutathione-S-transferase, un potente antiossidante che sarebbe in grado di neutralizzare alcuni agenti cancerogeni, con particolare riferimento ai radicali liberi. Inoltre, gli oli essenziali presenti nell'aneto sarebbe in grado di stimolare la bile e i succhi gastrici, incoraggiando i movimenti peristaltici dell'intestino.

(Foto: www.adomandarisponde.it )

Luca Kevin Civitate

Il cioccolato previene le carie

Il cioccolato previene le carie

In passato, per molti, il cioccolato era un nemico per la salute. Successivamente gli studi hanno dimostrato che il cioccolato fondente ha la proprietà benefica di proteggere malattie cardiovascolari e prevenire il tumore, sul sistema nervoso svolge un'azione che possiamo definire antidepressiva ed eccitante. L'effetto eccitante è dovuto alla serotonina che è usato come farmaco ed è in grado di procurare un certo benessere psicologico in quanto rende più attiva la connessione fra cellule nervose. Non soltanto: è anche un vasodilatatore cioè aumenta il calibro dei vasi sanguigni del cervello.

Uno studio del 2003 promosso dall’Istituto nazionale Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione di Roma sostiene che il cioccolato fa bene al cuore poiché il fondente aumenta le concentrazioni di antiossidanti nel sangue. Roberto Corti dell'Università di Zurigo ha dimostrato che il cioccolato fondente può ritardare l'indurimento delle arterie. La presenza della feniletilamina e della serotonina nel cioccolato concorre alla diminuzione del fenomeno della depressione. Non esistono studi scientifici che collegano l’acne con l’assunzione del cioccolato.

Secondo uno studio recente effettuato da esperti riuniti nel XXI Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di Odontoiatria, il cioccolato sarebbe in grado di prevenire la caria e la perdita di smalto. Nel cioccolato sono presenti gli zuccheri (nemici numero 1 dei denti), però, le sostanze antibatteriche che si trovano nel cioccolato sono capaci di contrastarlo e tenere a bada naturalmente la proliferazione batterica.

La dottoressa Antonella Polimeni, Presidente del Collegio Nazionale dei Docenti Universitari di Odontoiatria spiega: «Il cacao amaro contiene antibatterici naturali che impediscono allo Streptococcus mutans di produrre il glucano, una sostanza appiccicosa che aiuta i germi ad attaccarsi ai denti formando la placca e creando le condizioni perché gli zuccheri vengano trasformati in acidi corrodendo lo smalto.». Fa bene solo se consumato da solo e non insieme ad altri dolci ricchi di zuccheri.

Esistono anche dei cibi che fanno l'effetto "spazzolino" come i mirtilli (ricchi di sostanze antibatteriche che rallentano la formazione della placca), lo yogurt, i funghi, la cicoria e in generale le verdure crude.

(Foto: www.blogscienze.com )

Luca Kevin Civitate

 

Consigli su come fare un orto nelle scatole delle caramelle

Consigli su come fare un orto nelle scatole delle caramelle

 

Le scatole di latta delle caramelle di forma rettangolare, quadrata o rotonda vanno bene per creare un orto fai - da - te. I semini potete acquistarli sia su internet o nei negozi di prodotti biologici. Una raccomandazione,però, scegliete semi adatti alla coltivazione di germogli di crescione.

Mettete sul fondo della confezione di caramelle un pò di terriccio, piantate i semini e cospargeteli d'acqua infine copriteli con garza o pezzetto di stoffa e lasciateli in un posto umido. Dopo 3 giorni finalmente potrete vedere spuntare i germogli.

Se non avete delle confezioni di caramelle, in alternativa potete adoperare micro terrai per le piantine di dimensioni ridotte e per i piccoli cactus.

E se pensate di non avere il pollice verde, le scatolette delle caramelle saranno perfette per tenere sempre in ordine cuffiette e auricolari.

(Foto: greenme.it)

Luca Kevin Civitate

 

In questo mese ci saranno l'eclissi lunari e solari

In questo mese ci saranno l'eclissi lunari e solari

Tutti col naso in su per le due eclissi che arriveranno tra pochi giorni: quella lunare arriverà il 15 Aprile, mentre il 29 di questo mese avremo una formidabile eclisse solare.

Purtroppo, però, non saranno visibili in Italia, quella solare sarà presente in una piccola zona dell'Antartide poco dopo le 8 ora italiana. Invece quella lunare ci sarà nel Nord e Sud America, Australia, Nuova Zelanda e alcune zone del Pacifico.

L'Italia si potrà consolare con le stelle cadenti che daranno spettacolo il 22 e il 23 Aprile. Se saremo fortunati, riusciremo a vedere in media da 10 a 30 meteore ogni ora.

(Foto: www.news-24h.it )

Luca Kevin Civitate

In arrivo sulla terra una tempesta magnetica

In arrivo sulla terra una tempesta magnetica

Una lieve tempesta magnetica potrebbe colpirci scagliandosi contro importanti fenomeni spaziali, questo comporterebbe a passaggi di meteoriti o sciami di particelle solari.

Le particelle i energie emesse dall'ultima eruzione solare si stanno dirigendo verso la Terra. Daranno vita a spettacolari aurore boreali ed è probabile che mandino in tilt i satelliti delle telecomunicazioni. Questo è quanto sostenuto dal Solar Dynamics Observatory della NASA.

Mauro Messerotti, esperto dell'Osservatorio di Trieste spiega: «ci dobbiamo aspettare fenomeni di modesta entità, che saranno comunque in grado di produrre affascinanti aurore boreali alle alte latitudini, a seguito della spettacolare eruzione solare avvenuta lo scorso 26 marzo e che dovrebbe cominciare a far vedere i suoi effetti sulla Terra prossimamente. Non sono eventi particolarmente significativi. Ci saranno solo delle attività geomagnetiche di modesta entità che produrranno, alle alte latitudini, le aurore boreali».

Nell'emisfero settentrionale, nelle vicinanze del Circolo Polare Artico, i fenomeni delle aurore boreali non sono rari, i colori variano dal rosso al verde, fino all'azzurro e al viola. Sono visibili anche in Scozia e in alcune zone a sud della Scandinavia.

(Foto: www.greenme.it )

Luca Kevin Civitate

Aprile: orto, semina e raccolto

Aprile: orto, semina e raccolto

In questo mese si potrà seminare o trapiantare prezzemolo, basilico, rucola a foglia larga o selvatica, lattughe e lattughino. All'elenco della semina si aggiungono: angurie, asparagi,barbabietole, basilico, carote, cavoli, cetrioli, cime di rapa, cipolle, finocchi, indivia, lattuga, lattughino da taglio, melanzane, meloni,peperoni,piselli,pomodori,porri,prezzemolo,rucola, stevia, zucche, zucchine.

 

Consigli sulla semina:

Ad aprile è possibile iniziare la semina di tutti gli ortaggi che vorremmo raccogliere nel corso dei mesi estivi, anche nelle regioni solitamente dal clima meno mite, in cui la semina degli stessi all'aperto risultava sconsigliata nel mese di marzo. Ecco dunque giunto il momento di seminare pomodori, zucchine, melanzane e peperoni e di seminare o trapiantare le aromatiche, con particolare riferimento a prezzemolo e basilico. Dedicatevi inoltre alla semina di rucola a foglia larga o selvatica, lattughe e lattughino, in vista della preparazione di piatti freschi e salutari nei prossimi mesi.

 

Raccolto:

Potremmo finalmente mangiare gli ortaggi che abbiamo piantato in inverno, ad esempio i piselli, cavolfiori, carciofi. Inoltre, possiamo raccogliere anche la rucola, lattuga, prezzemolo, ravanelli, cipolle, spinaci, radicchio e lattughino da taglio, asparagi, barbabietole, broccoli, carciofi, cipolle, carote, cavolfiori, cime di rapa, cipollotti, crescione, fave, finocchi, indivia, lattuga, lattughino, piselli, prezzemolo, radicchio, rape, ravanelli, rucola, spinaci.

 

Orto sul balcone di aprile

Chi nel mese di marzo aveva seminato in vaso rucola, topinambur, patate, carote e erbe aromatiche, nel corso del mese di aprile potrà vedere spuntare e crescere i nuovi germogli. Si potranno seminare direttamente in vaso aromatiche come il basilico, il rosmarino, il prezzemolo, l'origano, la maggiorana, il timo e l'erba cipollina.

Alle erbe aromatiche potranno essere affiancate piante officinali da seminare in vaso, come la malva, la camomilla e la calendula. E' inoltre giunto il momento di seminare la stevia. Tra gli ortaggi, sarà possibile seminare pomodorini, melanzane, zucchine e peperoni, carote e ravanelli, ricordando di preferire le varietà dai frutti più piccoli (ed eventualmente tondi), in quanto più adatte ad essere coltivate in vaso.

 

I lavori nell'orto secondo il calendario lunare

Luna crescente

La luna crescente è considerata il momenti ideale per la semina di basilico, angurie, meloni, melanzane, peperoni, pomodori e zucchine, oltre che di carote e cetrioli. Nei giorni di luna crescente occupatevi di trapiantare lattuga, indivia, sedano, porri, fave e fagioli che avevate seminato al riparo in precedenza. Tra le erbe aromatiche potrete seminare in luna crescente salvia, timo, origano, coriandolo e erba cipollina. Se desiderate raccoglier erbe aromatiche e officinali da essiccare, dedicatevi a alloro, origano, prezzemolo, rosmarino, calendula, malva, tarassaco e timo.

La luna sarà crescente dall' 1 al 13 e dal 29 al 30 aprile 2014.

Luna calante

Quando la luna è calante, la tradizione contadina consiglia di dedicarsi alla semina o al trapianto di indivia e lattuga, oltre che di porri, sedano e scarola, cipolla, radicchio e spinaci primaverili. Nell'orto potrete occuparvi di rincalzare le patate. Se nel mese precedente vi siete dedicati alla semina di pomodori, fagioli o altri rampicanti, procedete a posizionare i sostegni necessari alla loro crescita. Chi possiede un frutteto, in luna calante potrà dedicarsi all'innesto di meli e peri.

La luna sarà calante dal 15 al 27 aprile e dal 27 al 30 aprile 2014.

(Foto: www.alagna.it )

Luca Kevin Civitate

Con un integratore a base di funghi, sono riusciti a eliminare le cellule tumorali presenti nel collo dell'utero

Con un integratore a base di funghi, sono riusciti a eliminare le cellule tumorali presenti nel collo dell'utero

La Health Science Center Medical School dell'Università del Texas, capitanati dalla dottoressa Judith Smith, sono riusciti a sconfiggere le cellule tumorali del collo dell'utero impiegando dell'AHCC (integratore alimentare comune, ben tollerato e usato da decenni in Giappone).

L'integratore utilizzato è a base di funghi della specie basidiomiceti. Con novanta giorni di somministrazione di AHCC, il virus veniva completamente abbattuto. Gli scienziati ipotizzano che con l'estratto di funghi, si può curare questa malattia.

(Foto: www.iherb.com )

Luca Kevin Civitate

L'olfatto umano è molto sviluppato, riesce a riconoscere oltre mille miliardi di odori

L'olfatto umano è molto sviluppato, riesce a riconoscere oltre mille miliardi di odori

In precedenza si sosteneva che il nostro naso potesse riconoscere soltanto 10 mila odori. A smentire tale affermazione, è stata la Rockefeller University di New York, la quale ha pubblicato la sua ricerca su "Sciense".

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno dovuto testare 28 persone. Il loro compito era quello di annusare circa 28 molecole mischiate con altre sostanze dagli odori sgradevoli e irriconoscibili. I volontari dovevano odorare 3 flaconi, due flaconi erano uguali tra di loro, il restante flacone era composto con un'altra componente. Quasi tutte le persone erano riuscite ad inviduare la sostanza diversa presente nel flacone. Così gli scienziati hanno capito che l'olfatto umano è in grado di riconoscere oltre mille miliardi di odori.

Andreas Keller, capo del team di ricercatori, ha dichiarato: «Abbiamo dimostrato che il nostro olfatto è molto più sensibile di quanto immaginato. Semplicemente non prestiamo attenzione a esso e non lo usiamo nella vita quotidiana».

(Foto: www.galileonet.it )

Luca Kevin Civitate

Il muschio torna in vita anche dopo 1500 anni nei ghiacciai

Il muschio torna in vita anche dopo 1500 anni nei ghiacciai

Il muschio può ritornare in vita e continuare quindi a cresce anche dopo essere stato congelato per oltre 1500 anni nei ghiacciai. Questo è quanto emerso da uno studio di ricercatori inglesi del British Antarctic Survey della Reading University.

Il team ha osservato la rigenerazione del muschio ibernato nel permafrost, dopo 2 settimane quest'ultimo continuava a svilupparsi. I nuclei di muschio posti in congelamento, sono stati posti con molta attenzione, mantenendoli liberi da contaminazione, in un incubatore, con luce e temperatura normali.

L'età media di queste piante si aggira circa a 20 anni, ma il loro potenziale arco di sopravvivenza così longevo in situazioni di condizioni climatiche particolari non era mai stato esaminato in precedenza.

Il co-autore dello studio, il professor Peter Convey del British Antarctic Survey, spiega:

«I muschi sono molto più importanti per gli ecosistemi di quanto si possa immaginare guardandoli crescere su un muro. Capire ciò che controlla la loro crescita e la loro distribuzione, in particolare in una zona in rapido cambiamento del mondo come la regione della Penisola Antartica, acquista quindi un significato molto più ampio. Questo esperimento dimostra che gli organismi pluricellulari, piante in questo caso, possono sopravvivere su tempi di gran lunga superiori di quanto si pensasse. Questi muschi, una parte fondamentale dell'ecosistema, potrebbero sopravvivere a periodi millenari di glaciazione».

(Foto: commons.wikimedia.org )

Luca Kevin Civitate

Lo sai che puoi fare un orto urbano con i Lego?

Lo sai che puoi fare un orto urbano con i Lego?

Volete zappare la terra ma è troppo faticoso per voi, oppure non avete un terreno adatto? Ecco la soluzione ai vostri problemi. Grazie all'invenzione dei blocchi TogetherFarm, prodotti in Stati Uniti esattamente a Portland, realizzati con una speciale plastica riciclata, sarà possibile coltivare un orto senza dover utilizzare gli attrezzi. Con un kit di mattoncini, si può ottenere uno spazio di 1,2 metri per lato e 6 cm di profondità di verde. I TogetherFarm sono riciclabili al 100% e non contengono sostanze chimiche dannose.

È possibile acquistarli attraverso il sito http://togetherfarm.com/buy-togetherfarm-blocks/ . Il prezzo varia a seconda della tipologia e dalle dimensioni, la cifra base attualmente è di 50 dollari.

(Foto: inhabitat.com )

Luca Kevin Civitate

Non è un miracolo, da oggi si potrà trasformare l'acqua in vino con il cellulare

Non è un miracolo, da oggi si potrà trasformare l'acqua in vino con il cellulare

Miracle Machine, è la brillante invenzione creata da Philp James e Kevin Boyer, due imprenditori enologici della Customwine. L'apparecchiatura consente di trasformare l'acqua in vino, mediante un'applicazione del telefono.

Cosa occorre? Uno smartphone, un frullatore con un solo bottoncino, un pacchetto degli ingrendienti, fermenti e aromi. Come si prepara? Si dovrà inserire gli ingredienti nell'acqua, scegliere il tipo di vino, e infine premere il pulsante d'avvio della Miracle Machine.

Dopo tre giorni, il vino fermenterà con tanto di diffusore e canale di micro-ossigenazione. Le informazioni verranno trasmesse sul cellulare, la quale vi comincherà quando potete bere il vino. Attualmente è solo un prototipo del costo di 499 dollari, circa 360 euro.

(Foto: mashable.com )

Luca Kevin Civitate

A San Francisco si discute per eliminare la vendita di bottigliette d'acqua di plastica

A San Francisco si discute per eliminare la vendita di bottigliette d'acqua di plastica

Secondo alcuni rumors, a San Francisco, si tratterebbe per cessare la vendita delle bottigliette di acqua entro i 600 ml, nei luoghi pubblici, ai concerti, durante grandi manifestazioni e nei parchi, scatenando polemiche per la proposta di legge.

San Francisco, non sarebbe la prima città ad abolire la vendita delle bottiglie d'acqua nei luoghi pubblici, a gennaio dell'anno scorso, a Concorde, in Massachussets, l'avrebbero già proibita.

Lo scopo di questo impedimento, servirebbe a prevenire la dispersione di bottigliette vuote nell'ambiente. In Usa, si consumerebbe circa 20 milioni di litri di petrolio per produrre bottiglie d'acqua. Con forti fossibilità, il decreto entrerà in vigore a partire dal 2016.

(Foto: www.iltaccoditalia.info )

Luca Kevin Civitate

Nella Giornata internazionale dell’Omeopatia che si celebrerà il 10 aprile, in Italia potete effettuare visite omeopatiche gratuite

Nella Giornata internazionale dell’Omeopatia che si celebrerà il 10 aprile, in Italia potete effettuare visite omeopatiche gratuite

In occasione della Giornata internazionale dell'Omeopatia - Porte Aperte, indetta dalla Liga Medicorum Homeopatica Internationalis (L.M.H.I.), in Italia in più di 300 studi di medici omeopati, si potrà ricevere una visita gratuita. L'omeopatia, è una cura "alternativa" utilizzando sostanze naturali. All'evento, hanno dato adesione anche alcuni veterinari omeopati.

Giunta alla 3° edizione, la Giornata internazionale dell'Omeopatia ha visto dal 2012 ad oggi un trend in crescita. Lo scopo dell'iniziativa è di far conoscere l'importanza dell'omeopatia alle persone.

Per prenotare la visita gratuita dal professionista più vicino a casa vostra, dovete collegarvi sul sito www.presidiomeopatiaitaliana.it oppure telefonando dalle 9.30 alle 18 ai numeri 081 7614707 e 3207232183. La lista dei medici e dei veterinari continuerà ad essere incrementata nel corso dei prossimi giorni.

(Foto:  www.sergiosarli.it )

Luca Kevin Civitate

In Francia se ti rechi al lavoro in bici, guadagnerai 25 centesimi a km percorso

In Francia se ti rechi al lavoro in bici, guadagnerai 25 centesimi a km percorso

In Francia è in fase di lavorazione un progetto per diffondere la buona abitudine di andare al lavoro in bici. Chi andrà al lavoro in bicicletta, potrà ottenere tra i 21 e 25 centesimi per chilometro percorso. Questo incentivo verrà pagato al dipendente direttamente dal proprio datore di lavoro, la quale sarà esente da tasse e imposte.

Dal 2015 le aziende saranno costrette ad avere postazioni per le biciclette nei parcheggi. I vantaggi non riguarderanno soltanto chi possiede già una bici, gli impiegati che si serviranno dei servizi di bike-sharing, come Vélib a Parigi e Vélo Bleu a Nizza, potranno ottenere il rimborso del proprio abbonamento annuale. Inoltre, chi deciderà di acquistare una bici elettrica, potrà contare su alcune agevolazioni.

(Foto:www.scorgiano.it )

Luca Kevin Civitate

Arriva la nuova energia rinnovabile prodotta dagli infrarossi emanati della Terra verso lo spazio

Arriva la nuova energia rinnovabile prodotta dagli infrarossi emanati della Terra verso lo spazio

I fisici della Harvard School of Engineering and Applied Sciences, attraverso uno studio pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences, sono arrivati alla conclusione che il calore emanato dalla Terra nello spazio potrebbe diventare una nuova fonte di energia rinnovabile.

L'idea è partita dall'Italiano Federico Capasso, esperto di fama mondiale nel campo della fisica dei semiconduttori, della fotonica e dell'elettronica che spiega: « l'energia rinnovabile può essere generata ogni volta che il calore fluisce da un corpo caldo verso un corpo più freddo. Un tale flusso si verifica tra la superficie calda della Terra a il freddo spazio esterno, attraverso la radiazione termica infrarossa.» Per questo motivo, sono stati messi appunto gli Emissive Energy Harvester (EEH), dispositivi in grado di generare energia dall'emissione di radiazione termica verso il cielo.

(Foto: bioenergyitalyblog.it )

Luca Kevin Civitate

Spazzattura negli abissi degli oceani

Spazzattura negli abissi degli oceani

Gli oceani si troverebbero in situazioni di grave inquinamento a causa dei nostri rifiuti gettati nelle acque marittime e oceaniche, questo è quanto dimostrato attraverso le fotografie scattate dall'artista italo-portoghese Alessandro Puccinelli.

Gli oceani occupano il 71% della superficie terrestre e la nostra vita dipendono proprio da loro, in quanto costituiscono fonte indispensabile di vita, acqua e ossigeno. « Non meriterebbero di essere trasformati in discariche sostiene Puccinelli.»

Il fotografo ha recuperato rifiuti intatti, questa è la prova che gli oggetti di cui ci siamo liberati non scompaiono, anzi, restano e si accumulano nel fondale oceanico.

(Foto: http://www.televideo.rai.it/ )

Luca Kevin Civitate

Mese di marzo: semina raccolto e lavori nell'orto

Mese di marzo: semina raccolto e lavori nell'orto

Il mese di Marzo con l'avvicinarsi della primavera, per chi possiede un orto rappresenta un mese di "festa" perchè si riavvia la semina degli ortaggi.

 

 

Cosa seminare a marzo:

Si potrà iniziare a piantare zucchine, pomodori, melanzane, piselli e peperoni che potranno essere raccolti negli ultimi mesi della primavera.

Chi ha lo spazio adatto a disposizione e vive nelle regioni più calde, potrà prendersi cura meloni, carote, ravanelli, rucola, lattuga, patate che sono ortaggi che possono essere seminati tutto l'anno dove il clima è clemente e infine il basilico.

Inoltre si possono tenere:

Aglio

Angurie

Asparagi

Barbabietole

Basilico

Bieta

Carote

Cavoli

Cetrioli

Cime di rapa

Cipolle

Fave

Finocchi

Indivia

Lattuga

Melanzane

Meloni

Patate

Peperoni

Piselli

Pomodori

Porri

Prezzemolo

Radicchio

Rucola

Sedano

Topinambur

Zucchine

 

Consigli per la semina

Se temete che nelle prime settimane di marzo il freddo possa rovinare i giovani germogli o se preferite organizzarvi in modo da trasferire nei vasi o in piena terra soltanto le piantine che appaiono più resistenti, il consiglio principale consiste nell'utilizzare dei semenzai, anche fai da te, realizzati con contenitori per alimenti di recupero, in modo da riporre i germogli al riparo da eventuali intemperie e da poter effettuare una scrematura delle piantine prima del trapianto.

 

Il raccolto del mese di marzo

Se quest'inverno avevamo coltivato le zucche, i cavolfiori, la lattuga, il prezzemolo, rape, la rucola, gli spinaci, verze ed erbe aromatiche da essiccare finalmente potremmo raccoglierli insieme a queste verdure:

Aglio

Barbabietola

Broccolo

Carciofi

Carote

Cicoria

Cime di rapa

Cavolfiori

Cavolini di Bruxelles

Cavolo verza

Cime di rapa

Cipolla

Finocchi

Indivia

Lattuga

Lattughino da taglio

Patate

Porri

Prezzemolo

Rape

Ravanelli

Rucola

Rosmarino

Scarola

Scorzabianca

Scorzanera

Sedano

Spinaci

Tarassaco

Valeriana

Verza

Zucca

 

Orto sul balcone a marzo

Nel mese di marzo, a seconda di quanto seminato in precedenza, potrete ancora avere la fortuna di raccogliere dai vostri vasi lattuga, rucola, rosmarino, prezzemolo, lattughino da taglio, salvia, e altre erbe aromatiche sempreverdi. E' il momento di preparare i vasi per la semina delle nuove piantine. Tra le più adatte da seminare in vaso nel mese di marzo troviamo ravanelli, carote, basilico, zucchine, pomodorini, fagioli e fagiolini, ma anche melanzane rotonde di piccola taglia, piccoli peperoni e peperoncini, cetrioli, patate e topinambur.

 

Lavori nell'orto secondo il calendario lunare

Luna crescente

La tradizione contadina consiglia di seminare quando la luna è crescente ravanelli, carote, piselli, prezzemolo, lattuga, lattughino da taglio, basilico, angurie, cetrioli, asparagi, cavoli, compreso il cavolo cappuccio, e zucchine. Con la luna crescente si possono inoltre trapiantare fragole, patate, cipolle e lattuga. Approfittate dei giorni di luna crescente per raccogliere le erbe aromatiche e le erbe officinali da essiccare, oltre che per la raccolta di carote e ravanelli.

La luna sarà crescente dal 2 al 15 marzo 2014.

Mentre per quanto riguarda la luna calante, è preferibile approfittare dei giorni di luna calante per dedicarsi alla semina di topinambur, radicchio, lattughino da taglio, bieta, sedano, cipolle e indivia. Prima della semina, preparate l'orto ad accogliere le nuove piantine rivoltando le zolle ed occupatevi anche di preparare un nuovo cassone per il compostaggio in giardino e di rimestare quanto già accumulato durante l'inverno. Si consiglia inoltre di seminare le erbe aromatiche e di procedere alla potatura di viti, meli e peri in questo periodo. Cipolla, aglio, scalogno e tutti gli ortaggi a bulbo dovrebbero essere preferibilmente raccolti quando la luna è calante.

La luna sarà calante dall'17 al 30 marzo 2014.

(Foto: www.greenme.it )

Luca Kevin Civitate

Miele: usi alternativi per la salute e la bellezza

Miele: usi alternativi per la salute e la bellezza

Il miele non è soltanto un dolcificante, nelle origini antiche veniva usato anche come rimedio naturale e per prendersi cura della propria bellezza sfruttando le sue proprietà benefiche.

Ecco tanti usi alternativi del miele che potrebbero tornarvi utili.

Per quanto riguarda la cura del proprio corpo, potremmo usarlo per:

-La pelle secce, con particolare riferimento alle zone del corpo più ruvide o interessate da problemi di disidratazione, come i gomiti, le mani e i talloni. Applicate il miele sulla pelle e lasciatelo agire per 30 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida.

-Labbra screpolate, aiuterà a rimarginarli e svolgerà un'azione curativa, grazie alle sue proprietà antibatteriche. Vi basterà applicarlo sulle labbra in piccole quantità.

-Capelli secchi e danneggiati, preparando un impacco a base di miele e olio extravergine. Mescolate due cucchiaini rasi dei due ingredienti. Se occorre, diluite il composto con un po' d'acqua e applicatelo sui capelli umidi, aiutandovi con un pettine. Avvolgete la chioma con un asciugamano e lasciate agire per 20 minuti prima di passare allo shampoo abituale.

-Pediluvio rilassante per i piedi stanchi. Colmate un catino con acqua calda e disciogliete al suo interno 1 o 2 cucchiai di miele. Il miele aiuterà ad ammorbidire la pelle e a creare una sensazione di relax, che potrete accentuare con l'aggiunta di 2 o 3 gocce di olio essenziale di lavanda. Proseguite il vostro pediluvio rilassante per 10-15 minuti.

-Acne, provate ad applicare un po' di miele sulle zone critiche, per velocizzare la guarigione. Se è spuntato un brufolo improvviso, stendete sulla sua superficie una piccola quantità di miele, applicate un cerottino e lasciate agire per 30 minuti. Il miele contribuisce a contrastare l'infiammazione e svolge una benefica azione antibatterica.

-Maschera per il viso, per realizzarla, unite 2 cucchiaini di miele e 2 cucchiaini di latte. Applicate la maschera sulla pelle con movimenti delicati e circolari. In questo modo potrete dedicarvi un massaggio rilassante e distensivo. Lasciate agire la maschera al miele per 10 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida.

-Crema idratante al miele preparando una tisana alla camomilla molto concentrata unendo del miele, preferibilmente alle erbe, fino ad ottenere un composto omogeneo, facile da applicare sulla pelle. Si tratta di una miscela idratante da utilizzare mattina e sera sul viso. Si conserva in frigorifero per 4 giorni.

-Maschera viso yogurt e miele, mescolate un cucchiaio di yogurt e un cucchiaio di miele e applicate il composto sul viso. Se occorre, aumentate leggermente il dosaggio degli ingredienti. Lasciate agire per 15 minuti e risciacquate con acqua tiepida.

Potremmo consumarlo inoltre per:

-I primi sintomi influenzali

- La tosse

-Il mal di gola

- Le punture di zanzara

- I graffi e piccole scottature

(Foto: www.rimedialnaturale.it )

Luca Kevin Civitate

La frutta e la verdura del mese di Marzo

La frutta e la verdura del mese di Marzo

L'inverno ormai sta per finire, a breve accoglieremo la primavera che con i suoi colori, ci rallegrerà parecchie giornate. Quale frutta e verdura primaverile possiamo trovare nei supermercati?

Nel mese di Marzo vi troviamo queste verdure:

- Gli agretti chiamati anche "barba di frate", possono essere gustati al vapore o lessati e conditi con olio, aglio, sale e limone. Sono ricchi di potassio, calcio, vitamine C e B3. Hanno effetti depurativi, diuretici e rimineralizzanti.

- Gli spinaci, possiedono un'elevata quantità di ferro e calcio, ma l'acido ossalico contenute in queste verdure, ha come conseguenza di non assorbire queste sostanze nel nostro corpo. Dall’alto contenuto di vitamine A e C, questa verdura a foglia verde, è antiossidante e straboccante di acido folico, indispensabile soprattutto per le donne in gravidanza.

- Le cipolline mangiate cotte o crude, detengono quantità di vitamina B e C, acido folico e fibre. Inoltre, le cipolline vantano di funzioni antiossidanti contenenti flavonoidi, utili per proteggere l'organismo dal cancro e malattie cardiache.

- Barbabietola rossa, broccolo, cicoria, carote, sedano, fagioli, zucca, radicchio, finocchio, cavolfiore,carciofi,porro,cavolo,verza,rapa,topinambur,cavolini di Bruxelles, bietola.

Per quanto riguardano la frutta avremo:

- Il lime, famoso come "sostituto del limone", contenente vitamina C e sali minerali. Favorisce la digestione con proprietà toniche, rinfrescanti, antisettiche e antibatteriche.

-L'arancia, il mandarino, il kiwi,le pere, le mele, la frutta secca, il mandarancio, il pompelmo e il limone.

(Foto: lamiadispensa.blogspot.com )

Luca Kevin Civitate

Perdere perso mangiando alghe marittime

Perdere perso mangiando alghe marittime

Le alghe sarebbero efficaci per perdere peso causando l'assorbimento del grasso corporeo evitando l'obesità e il sovrappeso, questo è quanto emerso da una ricerca condotta dal NewCastle University. Il team degli scenziati dell’università inglese, avrebbero scoperto che nelle alghe marittime un componente chiamato l'alginato, interromperebbe la digestione dei grassi nell'intestino eliminando l'accumulo di grassi nel corpo.

L'indagine pubblicata sulla rivista Food Chemistry, ha dimostrato infatti che l’alginato aumenta il non-assorbimento dei grassi di ben il 75%. Questo risultato è decisamente migliore di altri trattamenti anti-obesità attualmente disponibili sul mercato.


(Foto: noi.napoli.it )

Luca Kevin Civitate

Il cioccolato sarebbe un alleato del cuore e del sistema circolatorio, lo dice la scienza.

Il cioccolato sarebbe un alleato del cuore e del sistema circolatorio, lo dice la scienza.

Il cioccolato non sarebbe un nemico, ma bensì, un amico alleato del cuore e del sistema circolatorio. La conferma giunge da uno studio di team di scienziati olandesi del Top Institute Food And Nutrition e della Wageningen University pubblicata su Faseb Journal.

Gli scienziati avrebbero scoperto che il cioccolato fondente aiuterebbe le arterie, in particolare a ripristinare il loro giusto grado di flessibilità, evitando tra l’altro che i globuli bianchi si vadano ad attaccare alle pareti.

Nel cioccolato alcune sostanze antiossidanti chiamate flavanoli, se consumati con una quantità sufficiente, preverrebbe l'aterosclerosi.

La ricerca è stata testata su 44 uomini di mezza età in situazioni di sovrappeso, monitorati per 4 settimane, ognuno di loro doveva consumare 70 grammi di cioccolato fondante al giorno, evitando di mangiare cibi grassi.

I ricercatori sono arrivati alla conclusione: «quest'indagine fornisce nuove intuizioni su come il cioccolato influisce sulla salute endoteliale dimostrando che il consumo di cioccolato, oltre a migliorare la funzione vascolare, riduce anche la capacità di adesione dei leucociti nella circolazione»

(Foto: www.meteoweb.eu )

Luca Kevin Civitate

Con l'olio per friggere si potrebbe creare l'asfalto delle strade.

Con l'olio per friggere si potrebbe creare l'asfalto delle strade.

Con l'olio residuo dalle fritture, avevano prodotto un carburante per aerei. Ora ci riprova Haifang Wen, professore d'ingegneria civile della Washington State University, con una tecnologia a creare l'asfalto utilizzando l'olio per friggere, dando divita a "bioasfalto". Wen sta valutando l'ipotesi di testare il bioasfalto nell'estate del 2014 per circa 400 metri.

Già in precedenza, un'industria in Lowa ha creato il bioasfalto con il mais e il rimasto dopo la produzione di etanolo.

Soltanto 4 anni dopo, insieme ad un chimico e migliorando le idee, il professore d'ingegneria civile della Washington State University, è riuscito a creare l'asfalto verde, simile all'asfalto vero e proprio.

(Foto: www.terranauta.it )

Luca Kevin Civitate

Costruire case in pochissimi giorni utilizzando la terracruda

Costruire case in pochissimi giorni utilizzando la terracruda

La terracruda è composta da argilla, sabbia, paglia e acqua. Le loro case sono molto diffuse in varie parti del mondo, anche nei paesi più poveri. In Italia queste abitazioni apparivano in Abruzzo e Marche negli anni Settanta, alla realizzazione contribuivano intere famiglie e tutti gli abitanti di un villaggio. L'idea di mettere su stabili sfruttando questo materiale, si sta rivelando nuovamente utile anche per la tutela dell'ambiente.

Negli Stati Uniti Coenraad Rogmans insieme ad un gruppo di aiutanti hanno lanciato una sfida, creare un'abitazione in un solo giorno, o comunque nel minor tempo possibile. L'impresa ha richiesto soltanto una settimana.

Il successo ha dato il via alla nascita di una serie di laboratori per la fabbricazione di case in terra cruda, nella località di Reno nel Nevada.

(Foto: www.architetturaecosostenibile.it )

Luca Kevin Civitate

Un muro di water e orinatoi inutilizzati nel mezzo della cascata

Un muro di water e orinatoi inutilizzati nel mezzo della cascata

L'artista cinese Shu Yong nella città di Foshan, una città di oltre 7 milioni di abitanti nella provincia di Guangdong conosciuta per le sue bellissime cascate, ha creato per portare le sensazioni uditive del fruscio alla gente, questo muro lungo 100 metri e alto 5 , sistemando 10.000 servizi igienici e orinatoi collegandoli ad un rubinetto che continuamente li lava riutilizzando una piccola quantita d'acqua, sfruttando sempre la stessa.

Questa opera d'arte, oltre ad essere stata utile per combattere gli sprechi, quando viene inondata dall'acqua dà vita ad una e vera propria cascata. Le reazioni di passanti e curiosi sono molteplici, si va dalla disapprovazione alle risate, ma il fine è quello di ricordare che anche da una semplice goccia d'acqua può nascere davanti ai loro occhi, qualcosa di spettacolare.

(Foto: www.greenme.it )

Luca Kevin Civitate

L'uomo ha rovinato la natura

L'uomo ha rovinato la natura

I danni causati dall'uomo come la deforestazione, l'inquinamento atmosferico, il buco dell'ozono, l'aumentare delle temperature, stanno rovinando la natura e i ghiacciai.

Questi problemi ci stanno mettendo sempre più alle strette, però, continuamo a non badare attenzione verso queste importantissime problematiche, continuando a non fare la raccolta differenziata, a non smaltire correttamente la plastica, insomma, stiamo rovinando il mondo in cui viviamo, questa bella terra che una volta era pulita e sana.

Gravi danni anche per gli animali che con lo scoglimento dei ghiacciai, devono confrontarsi con una nuova realtà, cambiando il loro modo di vivere. Il 50% delle specie vegetali, il 51% degli esseri viventi e il 67% degli habitat (tra quelli di interesse europeo presenti in Italia) sono in uno stato di conservazione cattivo o inadeguato, lo rivela il III Rapporto Direttiva Habitat 2007-2012, presentato oggi a Roma dall'ISPRA e dal Ministero dell'Ambiente.

In Italia sono rimasti solo 40-50 esemplari di orso bruno marsicano, sempre meno pipistrelli vi troviamo e tra qualche anno potremmo non avere più anche le api, a causa dei pesticidi. Anche le tartarughe palustri (che vivono in zone tropicali), i pesci di fiume e di lago come lo storione cobice (due specie di storioni si sono già estinte in Italia), l'alosa sono a rischio.

La maggior parte delle specie vegetali a rischio si trova in Sardegna, regione ricchissima di piante endemiche.

I danni causati dall'uomo come la deforestazione, l'inquinamento atmosferico, il buco dell'ozono, l'aumentare delle temperature, stanno rovinando la natura e i ghiacciai.

Questi problemi ci stanno mettendo sempre più alle strette, però, continuamo a non badare attenzione verso queste importantissime problematiche, continuando a non fare la raccolta differenziata, a non smaltire correttamente la plastica, insomma, stiamo rovinando il mondo in cui viviamo, questa bella terra che una volta era pulita e sana.

Gravi danni anche per gli animali che con lo scoglimento dei ghiacciai, devono confrontarsi con una nuova realtà, cambiando il loro modo di vivere. Il 50% delle specie vegetali, il 51% degli esseri viventi e il 67% degli habitat (tra quelli di interesse europeo presenti in Italia) sono in uno stato di conservazione cattivo o inadeguato, lo rivela il III Rapporto Direttiva Habitat 2007-2012, presentato oggi a Roma dall'ISPRA e dal Ministero dell'Ambiente.

In Italia sono rimasti solo 40-50 esemplari di orso bruno marsicano, sempre meno pipistrelli vi troviamo e tra qualche anno potremmo non avere più anche le api, a causa dei pesticidi. Anche le tartarughe palustri (che vivono in zone tropicali), i pesci di fiume e di lago come lo storione cobice (due specie di storioni si sono già estinte in Italia), l'alosa sono a rischio.

La maggior parte delle specie vegetali a rischio si trova in Sardegna, regione ricchissima di piante endemiche.

I danni causati dall'uomo come la deforestazione, l'inquinamento atmosferico, il buco dell'ozono, l'aumentare delle temperature, stanno rovinando la natura e i ghiacciai.

Questi problemi ci stanno mettendo sempre più alle strette, però, continuamo a non badare attenzione verso queste importantissime problematiche, continuando a non fare la raccolta differenziata, a non smaltire correttamente la plastica, insomma, stiamo rovinando il mondo in cui viviamo, questa bella terra che una volta era pulita e sana.

Gravi danni anche per gli animali che con lo scoglimento dei ghiacciai, devono confrontarsi con una nuova realtà, cambiando il loro modo di vivere. Il 50% delle specie vegetali, il 51% degli esseri viventi e il 67% degli habitat (tra quelli di interesse europeo presenti in Italia) sono in uno stato di conservazione cattivo o inadeguato, lo rivela il III Rapporto Direttiva Habitat 2007-2012, presentato oggi a Roma dall'ISPRA e dal Ministero dell'Ambiente.

In Italia sono rimasti solo 40-50 esemplari di orso bruno marsicano, sempre meno pipistrelli vi troviamo e tra qualche anno potremmo non avere più anche le api, a causa dei pesticidi. Anche le tartarughe palustri (che vivono in zone tropicali), i pesci di fiume e di lago come lo storione cobice (due specie di storioni si sono già estinte in Italia), l'alosa sono a rischio.

La maggior parte delle specie vegetali a rischio si trova in Sardegna, regione ricchissima di piante endemiche.

(Foto: www.ecoblog.it )

Luca Kevin Civitate

La mela è meglio mangiarla con la buccia o senza? Meglio con la buccia

La mela è meglio mangiarla con la buccia o senza? Meglio con la buccia

La mela, come tantissime altre frutte e verdure, contengono molte proprietà benefiche. In essa è possibile trovare la vitamina A, E, C, B1, B2. Se consumate giornalmente, sono in grado di abbassare il colesterolo cosiddetto “cattivo” (LDL) aumentando quello buono (HDL), inoltre, da pochissimo tempo sono considerate preziose nella prevenzione di ictus e tumori. Ci domandiamo, però, se si deve mangiare con la buccia o senza, meglio gustarla con la buccia in quanto, proprio in essa si trovano i nutrienti più principali. Sarebbe opportuno sceglierle biologiche, evitando così di ingerire anche i pesticidi dannosi alla propria salute.

Nella parte esterna di essa troviamo:

1) la maggior parte delle fibre, fondamentali per il benessere e la regolarità del nostro intestino. Una mela mangiata con la buccia contiene in media 4,4 grammi di fibre. Mangiate senza scendono a 2,1 grammi.

2) circa 8,4 milligrammi di Vitamina C, contro i 6,4 milligrammi se privata di essa.

3) Quercetina, una sostanza antiossidante dalle molte proprietà: allevia i problemi respiratori, protegge la memoria e dagli ultimi studi sembra essere in grado di combattere i danni ai tessuti cerebrali che nel tempo possono portare a sviluppare Alzheimer o altre malattie degenerative.

4) I triterpenoidi che secondo uno studio del 2007 condotto dalla Cornell University, inibiscono o uccidono le cellule tumorali in colture di laboratorio soprattutto quelle che si sviluppano in fegato, colon e seno.

5)Acido ursolico, composto importante per tenere sotto controllo il peso corporeo. Si presume che questa sostanza sia in grado di aumentare il grasso bruno considerato un “grasso buono” permettendo di bruciare più calorie, riducendo così il rischio obesità.

Ricordatevi, una mela al giorno toglie il medico di torno.

( Foto: ciappycardellino.weebly.com )

Luca Kevin Civitate

Secondo uno studio, l'aceto sarebbe un'ottimo disinfettante

Secondo uno studio, l'aceto sarebbe un'ottimo disinfettante

Nell'antichità, l'aceto veniva usato come rimedio naturale per curare i disturbi più comuni, in particolare per disinfettare le ferite.

Lo studio condotto a Caracas dal Laboratory of Molecular Genetics del Venezuelan Institute of Scientific Investigation (IVIC), ha confermato che l'aceto è un'antibatterico in grado persino di uccidere i germi della tubercolosi (Tbc),anche quelli particolarmente pericolosi e resistenti agli antibiotici.

Questa scoperta è arrivata per caso, perchè insieme dovevano essere testate anche altre sostanze, però, la ricercatrice Claudia Cortesia, si è accorta che l’aceto era in grado di eliminare questi microbi autonomamente.

Questo risultato porterà alla preparazione di una soluzione a base di aceto da utilizzare come disinfettante negli ospedali e in altre strutture sanitarie,in modo tale da evitare che batteri pericolosi possano propagarsi.

(Foto: www.oliorinaldi.it )

Luca Kevin Civitate

Malanni di stagione come raffreddore, naso chiuso e mal di gola? Rincorri ai rimedi naturali

Malanni di stagione come raffreddore, naso chiuso e mal di gola? Rincorri ai rimedi naturali

I fumenti, o suffumigi, sono cure naturali eseguite in passato dalle nonne per combattere il raffreddore, il naso chiuso e il mal di gola. Il vapore acqueo aiuta a liberare il naso, favorendo lo scioglimento del muco e aiutando la gola, in particolar modo se all'acqua bollente vengono abbinati altri ingredienti, come gli oli essenziali.

Si tratta di inalazioni calde, utili soprattutto se eseguiti la sera, prima di andare a letto, per riuscire a respirare meglio durante la notte e per alleviare i fastidi causati dal malessere stagionale. Sono facili da preparare, basta avere a disposizione una pentola con dell'acqua bollente e alcuni ingredienti aggiuntivi facilmente reperibili.

Per preparare i fumenti, portate ad ebollizione una pentola d'acqua, quando l'acqua bolle, togliete la pentola dal fuoco e versate gli ingredienti utili che avete a vostra disposizione. Dovrete coprirvi la testa con un asciugamano e respirare i vapori sia con il naso che con la bocca almeno per 5 minuti.

L'asciugamano aiuta a non lasciar disperdere i vapori troppo in fretta. Dedicatevi ai fumenti una o due volte al giorno, al momento del bisogno e proseguite fino a quando i fastidi non saranno scomparsi. Alla pentola con l'acqua bollente potrete aggiungere, ad esempio, del bicarbonato di sodio, fiori di camomilla e oli essenziali, nelle quantità indicate qui di seguito.

1) Fumenti al bicarbonato rappresentano uno dei suffumigi più popolari. Le nostre nonne ci suggerivano di versare un cucchiaio di bicarbonato in una pentola d'acqua bollente, di mescolare con un cucchiaio e di respirare i vapori a pieni polmoni. Il rimedio è molto utile in caso di raffreddore e naso chiuso.

2) Fumenti alla camomilla hanno proprietà lenitive e aiuta a liberare le vie respiratorie. In caso di raffreddore è utile anche sotto forma di tisana. Per prepararli, versate una manciata dei suoi fiori essiccati in una pentola con acqua bollente. Se volete, potete aggiungere un cucchiaino di bicarbonato di sodio. Sono utili anche in caso di otite aggravata dalla presenza di muco. Se non avete a disposizione i fiori di camomilla, ricorrete a una normale bustina di tisana a base di questo ingrediente.

3) Fumenti all'eucalipto sono particolarmente adatti per liberare le vie respiratorie in caso di congestione nasale e vanno bene anche per il mal di gola. Potete utilizzare l'olio essenziale di eucalipto in aggiunta o in sostituzione del bicarbonato di sodio. Ne bastano poche gocce (4 o 5) da versare in un litro d'acqua bollente. Questa respirazione è indicata soprattutto alla sera, per respirare meglio durante il sonno.

4) Fumenti al sale grosso, se non avete a disposizione bicarbonato, fiori di camomilla o olio essenziale di eucalipto, quasi certamente nella vostra dispensa troverete del sale grosso. Per preparare i suffumigi al sale grosso portate ad ebollizione un litro d'acqua e versatene un cucchiaio nella pentola. Respirate per qualche minuto.

5) Fumenti al Tea Tree Oil è una delle numerose proprietà curative. E' considerato molto utile quando si presentano i primi sintomi dell'influenza e dei malanni invernali, che possono comprendere raffreddore, mal di gola e naso chiuso. Contro i sintomi dell'influenza potrete aggiungere 5 gocce di olio essenziale di Tea Tree all'acqua bollente che utilizzerete per i suffumigi, versandola direttamente nella pentola.

(Foto: www.informasalus.it )

Luca Kevin Civitate

Vetri che si puliscono da soli? È possibile!

Vetri che si puliscono da soli? È possibile!

Perchè care donne casalinghe pulite e lucidate faticosamente i vetri quando si lucidano da soli? Detto così posso sembrare ridicolo ma non lo sono affatto, questo materiale si chiama grafene, costituito da uno strato di atomi di carbonio collocati su una struttura a nido d'ape, trasparente come il vetro, più resistente dell'acciaio e capace di condurre l'elettricità meglio del rame. Isolato per la prima volta in laboratorio nel 2004 per opera di alcuni studiosi di Manchester è considerato il materiale delle meraviglie, ricevendo adirittura il premio Nobel nel 2010.

I ricercatori italiani hanno aggiunto il grafene a un sottilissimo strato di ossido di titanio nano-poroso, in questo modo, hanno ricavato una pellicola che possiede una elevatissima attività fotocatalitica, la più alta registrata fino ad ora in un film sottile e trasparente. Ed è proprio grazie a questa proprietà che consente ai vetri domestici di "autopulirsi" utilizzando la luce del sole per eliminare tutto lo sporco depositato sulle loro superfici ed evitando così quella periodica lavata.

La scoperta, condotta dal dottor Luca Malfatti, dal Professor Plinio Innocenzi afferenti al Laboratorio di Scienza del Materiali e Nanotecnologie del Dipartimento di Architettura Design e Urbanistica dell'Università di Sassari, in collaborazione con il gruppo del prof Alberto Mariani del Dipartimento di Chimica e Farmacia dello stesso Ateneo, e con il gruppo della dott.ssa Maria Casula del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell'Università di Cagliari, è stata resa nota sulla rivista internazionale "ACS Applied Materials & Interfaces". Hanno contribuito a questa invenzione anche l' Istituto italiano di tecnologia (IIT), l'Università Tecnica di Graz, la divisione di Scienza ed Ingegneria dei Materiali dell'australiano "Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation" (CSIRO).

(Foto: www.arredamento.it )

Luca Kevin Civitate